Amore Universale

 

Il Sentire Interiore

Il Sentire

frattale 1Alcune persone vivono la vita meccanicamente; esse riversano tutta la loro attenzione sul mondo esterno. Ignorano che esista un mondo interiore soggettivo.

È soggettivo ciò che dipende dal modo di pensare di un soggetto.

Esiste una realtà oggettiva della quale abbiamo una visione soggettiva. La realtà oggettiva è all'esterno dove tutto sembra uguale per tutti. Ma all'interno di quest'apparenza esterna e oggettiva, ognuno crea e vive la sua storia personale soggettiva ed e solo a viverla e a sentirla.

Noi non siamo contemporanei nel nostro SENTIRE, ecco perché c'illudiamo d'essere partecipe di un solo film comune a tutti, e oggettivo, mentre in REALTA', ognuno crea e percepisce tutto soggettivamente.

Anche le persone a noi più vicine e care, spesso ci vivono a loro immagine, in un loro specchio, e non sentono simultaneamente a noi quello che noi viviamo e sentiamo, e lo stesso noi facciamo nei loro confronti. La vita e assai più soggettiva, di quel che appare.

Tenere conto di questo fatto, ci fa capire l'importanza del nostro essere interiore che si nasconde dentro di noi

Il comportamento interpresonale

Per vivere una vita ben ordinata, dobbiamo sviluppare una personalità simpatica, cordiale: è questo uno dei segreti per andare d'accordo con tutti.

Non possiamo pretendere di farci degli amici, con un carattere acido e prepotente. Dobbiamo agire con cordialità, tolleranza, comprensione ed essere riguardosi verso ciascuno, sempre.

VIVI E LASCIA VIVERE.

Dualismo e Felicità

buddaRiconosciamolo: la vita è battaglia. È un combattimento per sopravvivere dal principio alla fine, una lotta dal grembo alla morte. Con coraggio e pazienza potremo riuscire vittoriosi a dispetto delle peggiori circostanze, ma ci vuole coraggio.

L'uomo è condannato ad una vita di forze contraddittorie, amore e odio, guerre e pace, vita e morte, dolore e piacere. Ben poco si possa fare per cambiare il mondo! Ma il modo con cui reagiamo diventa di vitale importanza. Tutti abbiamo bisogno di una filosofia della vita, pratica, efficace, di un modo di pensare che rende la vita piacevole anziché penosa.

Se stringeremo forti legami col mondo circostante, se saremo capaci di amare e di accettare l'amore, la nostra felicità sarà assicurata. La capacità di godere dell'esistenza sgorga da una filosofia della vita che è insieme realistica e pratica.

Quando ci svegliamo il mattino, cominciamo il nuovo giorno con la convinzione che la felicità è un modo di vivere e che noi soli possediamo la chiave della felicità.

La persona matura

Le persone che si ritengono ben equilibrate esercitano la moderazione in tutto quello che fanno, nel mangiare, nel bere, nel fumare e cosi via. Nutrono la loro mente di pensieri positivi. Sono capaci di prendere sagge decisioni. Prendono le avversità come vengono e danno prova di maturità emozionale.

Naturalmente, la maturità rappresenta la capacità di cooperare; di lavorare con gli altri, di lavorare in organizzazione, sotto una direzione. La persona matura è elastica; agisce in conformità col tempo, le persone, le circostanze. Sa essere tollerante, paziente, e, soprattutto, ha le qualità dell'adattabilità e del compromesso.

Le persone mature si tengono a contatto con le cose che le stimolano e ispirano come la buona musica, l'arte, la letteratura, l'amore e la religione. Coltivano abitudini di vita, un modo di pensare e di vivere più sano, compatibile con la pace mentale.

Sanno quel che vogliono e seguono piani ben definiti per raggiungere il loro scopo nella vita.

Comprendono che la vita è breve e che vivere nel passato vuol dire soltanto sprecare energia; in conseguenza, vivono per oggi e per domani.