Amore Universale

 

Entità separate?

Domanda: se le varie forme della manifestazione sono solo l'espressione della coscienza universale, perché in tutte le forme c'è il senso dell'individualità? Perché ogni forma si considera un'entità separata?


Nisargadatta Maharaj : non appena ciò che è unicità si manifesta, questa stessa manifestazione implica la dualità. Manifestazione significa che deve esserci un soggetto e un oggetto. La manifestazione nello spazio tempo significa divisibilità. È nella natura stessa della coscienza l'apparire degli opposti non appena si manifesta: bene male, grande piccolo, e cosi via. Dal primo istante della manifestazione, la dualità è la sua natura, e quindi deve esprimersi. Finché c'è manifestazione c'è dualità. Anche nei cinque elementi. Aria, fuoco, acqua, e cosi via sono in se stessi degli opposti, quindi, la manifestazione significa di per sé dualità.
Nell'assoluto immanifesto non c'è nessuna coscienza, nessuna coscienza di esistere. Solo quando questa coscienza universale si manifesta nelle varie forme, e queste forme possiedono la forza vitale e sono soggette ai tre guna, solo allora ogni forma può agire attraverso la forza vitale a seconda della combinazione dei tre guna. Ogni forma agisce nel rispetto della propria natura.
Tratto da : l'esperienza del nulla. Sri Nisargadatta Maharaj Ubaldini Editore.


PS: Guna: i tre fattori fondamentali, o qualità energetiche materiali che soggiacciano al mondo e lo attivano: sattva (purezza, chiarezza, armonia) rajas (passione, energia, attività) e tamas (inerzia, resistenza, oscurità)