Amore Universale

 

Crescita Interiore

La mia vera natura è l'Amore!

L'amore tende naturalmente a esprimersi, affermarsi, superare le difficoltà. Quando avrai capito che “il mondo è amore in azione”, lo vedrai in un modo tutto diverso. Ma prima deve cambiare il tuo atteggiamento verso la sofferenza, che è anzitutto una richiesta di attenzione, essa stessa un moto d'amore. Più che la felicità, l'amore vuole la crescita, l'allargamento e l'approfondimento della coscienza e dell'essere.

“Tutto ciò che lo impedisce, diviene causa di dolore”, e l'amore, si sa, non si sottrae al dolore. Il sattva, l'energia che opera a favore della giustizia e di uno sviluppo ordinato, non deve essere ostacolato. Altrimenti, si rivolta contro se stesso e diviene distruttivo. Ogni volta che si frena l'amore e si permette alla sofferenza di espandersi, la guerra diventa inevitabile. La nostra indifferenza alla pena del vicino, porta la pena alla nostra porta.
Tratto da “Io sono Quello” di Sri Nisargadatta Maharaj.

Commento: Questo brano è molto prezioso per chi lo comprende nella sua profondità. Il mondo può violare l'amore, ma andrà incontro alla sofferenza. L'amore è "il guardiano della nostra vita" Chi sente l'Amore lo sperimenta attraverso il retto pensare e il retto agire.

La Benedizione

Vi sono dei momenti in cui la vita ci regala lo stato di “ Benedizione”.
A me succede rare volte e coincide quando mi allontano dal mio piccolo “io insignificante” e mi appare “l'eterno presente” in tutto il suo splendore e dove si realizza il “vuoto” per accogliere “ciò che è”.

Non c'è nessun'attesa e quello che si cerca è già presente in noi. La Coscienza-silenzio è sempre presente.

È molto importante prendere coscienza della differenza tra l'agitazione del pensatore e la calma della Presenza.
“Un lasciare che avvenga” in cui si è completamente lucidi e presenti ed in cui l'io si attenua sempre più fino al suo completo dissolvimento nel Sé, pura Coscienza.
È un'esperienza istantanea, dove aleggia solo “ AMORE”
È uno stato non cercato, quando si cerca la “benedizione” non arriva.

Difficile parlarne, bisogna solo essere attratti dalla Presenza Universale che è sempre nell'Attimo Presente in noi. “Il momento di grazia” dura poco perché”Ego” non ama né il vuoto, né il silenzio e si torna nelle vibrazioni del mondo materiale dove c'identifichiamo continuamente.

Torna Su